Pasta fresca · Primi

Fettuccine alla farina di castagne con ragout di coniglio al caffè

fettuccine coniglio

Uno dei miei piatti preferiti: lo rifaccio spesso, occorre un po’ di lavoro ma il tempo speso è ampiamente ripagato dal gusto.

Per questo piatto, ho utilizzato spalle di coniglio: se non dovete cucinare per molte persone, è la scelta ideale: è un taglio economico ma “carnoso”, facile da disossare e di ottimo sapore.

Questa ricetta è presente nella raccolta “10 ricette di pasta fresca” di Ucooki.

Ingredienti

Per la pasta:

  • Semola di grano duro, 150 g.
  • Farina di castagne, 50 g.
  • Uova, 2

Per il ragout:

  • Spalle di coniglio, 2
  • Carota, 1 piccola
  • Sedano, un pezzetto
  • Scalogno, 1 piccolo
  • Timo e maggiorana freschi, un paio di rametti
  • Caffè macinato, 1 cucchiaino scarso
  • Olio evo
  • Vino bianco secco, 1/2 bicchiere
  • Brodo vegetale, q.b.
  • Sale, pepe bianco

Per due porzioni abbondanti.


Impastare tutti gli ingredienti per la sfoglia; la farina di castagne tende ad asciugare un pochino l’impasto, perciò potrebbe essere necessario aggiungere dell’acqua. La pasta deve risultare setosa, priva di grumi, e ben sostenuta. Avvolgerla nella pellicola e lasciarla riposare almeno mezz’ora – un’ora. Passato questo tempo, tirare la sfoglia abbastanza sottile (io uso la macchina e tiro fino alla tacca nr. 7), quindi arrotolare e tagliare le fettuccine al coltello.

Per il ragout, tritare finemente le verdure, metterle in un tegame con un filo di olio extravergine e far stufare. Pulire bene le spalle di coniglio, togliendo il grasso in eccesso, infarinarle leggermente e porle nel tegame, alzando la fiamma. Rosolare la carne da ogni parte, sfumare con il vino bianco ed aggiungere le erbe. Salare, pepare e spolverare con il caffè. Portare a cottura aggiungendo del brodo vegetale caldo: occorre ottenere un fondo non eccessivamente liquido. La carne deve quasi stracuocere e staccarsi con facilità dall’osso principale. Lasciar raffreddare il tutto, così sarà più semplice poi spolpare bene le ossa. Tritare quindi la carne e rimetterla nel tegame con il suo fondo.

fettuccine coniglio

Lessare le fettuccine per due minuti al massimo, quindi ripassarle nel tegame con qualche cucchiaio della loro acqua di cottura. Servire ben caldo – preferibilmente senza formaggio, poco adatto ai sentori del caffè.

Tips&Tricks

  • E’ un piatto sorprendente: il caffè dà una nota corposa di sapore e profumo che NESSUNO riesce a collegare alla bevanda. Semplicemente, riempie il gusto e lo arrotonda.
  • Lavorate la pasta velocemente: la farina di castagne secca in fretta
  • Per il ragout non usate bocconcini o polpa di coniglio già tagliata. Usate il pezzo intero (per 5-6 persone un coniglio intero), perchè in cottura le ossa rilasciano sapore e sopratutto, se lo comprate da un fornitore di fiducia, siete sicuri di quello che portate a casa. Senza parlare del risparmio: usando le spalle si ottiene un ragout abbondante per pochi euro.

fettuccine coniglio

Annunci

5 thoughts on “Fettuccine alla farina di castagne con ragout di coniglio al caffè

  1. Guarda Ale, per studiare, studiamo tutti. Tu però farai faville, già lo so. 🙂
    Ieri sera ho comperato 2 belle cosce di coniglio e tra poco attacco col ragout. Lo userò per condire dei cavatelli (pubblicherò il 3 gennaio), perché dal 2016 l’Associazione Italiana Foodblogger lancerà il Calendario del cibo italiano, sulla scorta di quello americano, per valorizzare i piatti della nostra tradizione e del nostro territorio. Ho impastato i cavatelli stamattina (mai fatti, ora mi cimento 😀 ) e per l’appunto li condirò col tuo magnifico ragout.
    Anzi, se vuoi partecipare anche tu all’iniziativa, segui gli appunamenti quotidiani su aifb, che celebrerà ogni giorno una giornata. Puoi mettere il link al tuo post nei commenti. 🙂
    Ti anticipo che il 1 gennaio sarà la giornata nazionale delle lenticchie, il 2 la g.n. del consommé, il 3 quella dei cavatelli, il 4 degli involtini di verza, il 5 riso al salto, il 6 cibo dell’Epifania, il 7 canederli, l’8 polpetta, il 9 del sedano rapa, il 10 del baccalà alla vicentina… 🙂 A me piace un sacco questa iniziativa!
    E ora vado in cucina. Un bacione e grazie ancora!

    Mi piace

  2. Io per il coniglio impazzisco, e se per le pie alla birra torbata mi sono detta che le devo provare e dentro di me pensavo “uno di questi giorni”, questo ragout lo devo provare subito. Adesso. Ora.
    Non amo molto la farina di castagne a dire il vero, ma stavo per uscire a fare la spesa (sono rimasta senza caffè e soffro da 2 giorni… come si fa?) e ora ci aggiungo la coscia di coniglio. Questo ragout DEVE arrivare nella mia tavola.
    Ho però una preghiera per te, Ale: ti prego, TI PREGO, iscriviti all’MTChallenge!!! Partecipa alla nostra sfida, sei troppo brava per non farlo!!! Scrivi subito subito una mail a mtchallenge@gmail.com, in modo che dalla segreteria sappiano che c’è una nuova richiesta di ingresso, e partecipa: so già che farai grandi cose. Anzi, dì che ti mando io. Ma ti prego, iscriviti e partecipa!!!!!!!!!!!!!!
    Un bacione.

    Liked by 1 persona

    1. Mapi, sei un tesoro….!!! io scrivo subito, poi mi perdonerete se devo.. studiare, e non sono ancora pratica di queste bellissime iniziative! ma VOGLIO ASSOLUTAMENTE essere dei vostri.Ora mando subito la mail. Grazie ❤

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...