Quaglie arrosto con salsa caramellata al miso e mandarino

Lo so: mentre tutto il web in questo periodo è pieno di torte fatte con gli avanzi delle uova di pasqua (…), io arrostisco, braso e farcisco volatili.

Sono una donna anomala: non amo creme e nutelle, non faccio torte e alla pasta preferisco sempre un bel piatto di carne (il mio blog, temo, è offlimits per gli amici vegani…!). Ovviamente, bisogna sempre variare la propria alimentazione (se non si hanno ovviamente problemi seri da gestire sotto controllo medico), non solo nel genere ma anche nelle preparazioni.

Io onestamente non so come si faccia a mangiare sempre il pollo allo stesso modo, o l’arrosto sempre “come lo faceva la mamma”… e adagiarsi sui soliti sapori conosciuti. Sarà che io mi stanco subito di tutto e sono visceralmente curiosa, ma l’arrosto della mamma lo lascio volentieri dov’è.

Ciò premesso, io amo la quaglia. E’ una carne che non si cucina spesso, purtroppo, ma fa decisamente parte delle mie preferite (con la faraona, l’anatra, il piccione…). Stavolta l’ho preparata con una salsa caramellata di una bontà pazzesca, arricchita dal miso (che io mangerei anche sul pane a colazione) e dal sapore agrumato dei mandarini – cioè per essere precisi del Tango Fruit, un mandarino senza semi molto gustoso e più dolce di quello tradizionale (che comunque andrebbe benissimo se fossimo in stagione).

Io ho servito le mie quagliette con cipolle borrettane in agrodolce, ma anche del riso pilaf o una polenta morbida sarebbero un ottimo accompagnamento.

Ingredienti:

  • Quaglie: 3
  • Mandarini (io Tango): 2 grandini
  • Scalogno: un paio
  • Aglio: 2 spicchietti
  • Sale, pepe
  • Olio
  • Miso bianco: 1 cucchiaino abbondante
  • Salsa di soia scura: 1 cucchiaino
  • Pepe nero: una macinata
  • Succo di 1 mandarino
  • Mirin: 1 cucchiaino
  • Zucchero: 1/2 cucchiaino (solo se usate mandarini normali, con quelli che ho usato io non serve)
  • Zenzero fresco grattugiato: 1 cucchiaino
  • Peperoncino a piacere
  • Un mazzetto di coriandolo fresco

Per 2-3 porzioni


Pulire e fiammeggiare le quaglie; sciacquarle ed asciugarle con carta da cucina. Salarle e peparle.

In una pentola che possa andare anche in forno scaldare un po’ di olio leggero e rosolare bene le quaglie da tutte le parti. Toglierle dalla pentola.

Preparare la salsa: versare in una ciotolina il succo del mandarino e sciogliervi bene il miso, quindi aggiungere salsa di soia, zucchero, mirin, zenzero e uno spicchietto d’aglio tritato finemente o spremuto. Portare su fuoco dolce e far andare finché la salsa comincia a “tirare”. Tenere da parte.

Affettare finemente gli scalogni, pelare ed affettare l’altro spicchietto di aglio e disporre il tutto nella pentola precedentemente usata per rosolare le quaglie. Rimettere anch’esse nella pentola e spennellarle accuratamente con la salsa preparata.

Unire anche l’altro mandarino tagliato a spicchietti e versare in pentola la salsa rimasta.

Cuocere a 180°-200° per un’ora abbondante (se scuriscono troppo coprire con un foglio di alluminio).

Una volta cotte, raccogliere il fondo di cottura e frullarlo con un mazzetto di foglie di coriandolo e peperoncino a piacere: servire le quaglie ben calde nappate con questa salsa densa e caramellata.

Tips&Tricks

  • Le quaglie hanno una carne molto saporita e magra, ma anche delicata: assicuratevi che siano freschissime (belle sode, con la pelle chiara e le piumette che si staccano a fatica)
  • Io ho trovato i mandarini della qualità “Tango” (Tang Fruit il nome), che si trovano anche in questa stagione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.