Hilopites, pasta greca col sugo di galletto brasato

Un piatto tradizionale che non troverete facilmente nelle isole più turistiche.

Si tratta di una pasta, realizzata con farina, uova fresche e latte, diffusa nella Grecia continentale (ma non solo, anche a Creta); può essere di varie forme: da piccoli quadratini, che usualmente accompagnano minestre invernali, a quasi delle tagliatelle che si servono con burro di capra e formaggio, sempre di capra.

In Halkidiki le ho mangiate così: il tipo più lungo, sia in bianco come sopra, che con un delizioso sugo di gallo brasato al pomodoro fresco.

Curiosità: la pasta, tradizionalmente, veniva preparata alla fine dell’estate, quando il clima è ancora più secco e caldo per favorire la perfetta essicazione e dunque la conservazione per l’inverno.

Ingredienti:

Per la pasta:

  • Farina (parte 0 e parte semola): 150 g.
  • Un uovo piccolo
  • Latte fresco q.b.

Per il sugo:

  • Un piccolo galletto
  • Pomodori maturi (oppure polpa / conserva): 150-200 g.
  • Concentrato di pomodoro: 2 cucchiai
  • Uno spicchio di aglio
  • Una piccola cipolla
  • Una foglia di alloro
  • Olio extravergine di oliva
  • Cannella in polvere
  • Menta fresca
  • Sale, pepe nero
  • Brodo q.b.

Per 2-3 porzioni


Tagliare il galletto in parti; utilizzare la schiena e le alette per preparare il brodo con cui portare a cottura il brasato.

Una volta pronto il brodo, versare un filo d’olio in un tegame con lo spicchio d’aglio (io in camicia, poi lo tolgo): quando è ben caldo, tostare le cosce e il petto del galletto, – questo diviso in due, quindi rimuovere la carne dalla pentola.

Inserire la cipolla affettata fine e farla rosolare. Unire anche il concentrato di pomodoro e la polpa o il pomodoro fresco grattugiato, mescolare bene e lasciar sobbollire per dieci minuti, coperto.

A questo punto rimettere in pentola la carne, aggiungere la cannella, l’alloro, sale, pepe e poco brodo, da aggiungere man mano.

La carne deve diventare tenerissima e la salsa bella densa.

Intanto preparare la pasta: lavorare la farina con uova, latte e un pizzico di sale, fino ad ottenere una pasta liscia e soda. Lasciarla riposare, avvolta in un telo umido, per una mezz’ora, quindi tirarla non troppo sottile, arrotolarla e tagliare delle “tagliatelle”.

Una volta cotto il galletto, spolpare il petto e lasciare le cosce intere (se invece è un gallo grosso, spolpare tutto). Rimettere la carne nel sugo e completare con qualche fogliolina di menta. Condire le hilopites e servire ben caldo, con una bella spolverata di Graviera (se la trovate, se no il Parmigiano va benissimo).

Tips&Tricks

  • Il gallo o i galletti si trovano facilmente anche nei supermercati migliori; in caso, potete sostituire con il pollo (è meno saporito, però)
  • Per la cottura: in Grecia la pasta si cuoce direttamente nel sugo che ha lasciato il gallo (per questo si aggiunge un po’ più di brodo). Noi italiani preferiamo lessarla al dente e poi condirla 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.