Zuppa di pistacchi e arancia

Ispirata alle ricette di “Jerusalem” di Ottolenghi, che è sempre una garanzia.

Questa zuppa ha origine nelle comunità ebraiche iraniane e, con qualche modifica per “alleggerirla” un po’ (ad es., olio extravergine di oliva invece del burro , ma solo perché in questo caso lo preferisco come gusto),è a assolutamente formidabile nella sua semplicità: cremosa, saporita, profumata e anche nutriente, considerato che i pistacchi sono ricchi non solo di grassi “buoni”, ma anche di proteine e di vitamine. Sia che vi interessino le proprietà organolettiche o che – come nel mio caso 😁😉- siate più sensibili al tema del gusto e della golosità, questa zuppa è semplicemente da fare e rifare perché è dir poco strepitosa. Semplicissima, tra l’altro, richiede ben pochi ingredienti e solo un po’ di pazienza per sgusciare i pistacchi. Inoltre, è perfetta anche per chi non tollera latticini e derivati.

Ingredienti:

  • Porro: 1
  • Patata: una piccola (o un pezzo)
  • Scalogno: 1
  • Olio extravergine di oliva
  • Cumino macinato: 1/2 cucchiaino
  • Zafferano: un pizzico
  • Pistacchi, tostati e NON salati: 35 g circa (peso sgusciati)
  • Un’arancia non trattata
  • Uno spruzzo di limone
  • Brodo di pollo: 450 ml circa
  • Sale, pepe nero

Per 2 porzioni


Sgusciare i pistacchi e, con un panno carta leggermente inumidito, sfregarli per levare parte della pellicina.

Mondare ed affettare porro e scalogno; pelare la patata e farla a fettine.

In una casseruola versare due cucchiai di olio ed unire porro, scalogno e cumino. Far rosolare il tutto quindi aggiungere la patata e lo zafferano, prima sciolto in un pochino di brodo caldo. Far andare ancora qualche minuto, poi coprire col brodo e lasciar sobbollire a fiamma dolce fino a che la verdura sia ben cotta. Aggiustare di sale e pepe.

Lavare l’arancia, grattugiare la buccia e spremerne metà.

Frullare la zuppa coi pistacchi, fino ad ottenere una crema vellutata, quindi unire il succo e la scorza dell’arancia (un pizzico) e uno spruzzo di succo di limone.

Servire ben calda.

Tips&Tricks

  • Potete usare anche del brodo vegetale, se optate per un piatto vegano
  • I pistacchi non salati si trovano ormai facilmente anche al supermercato; oppure, provate nei negozi di alimenti naturali e bio
Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.