Conchiglie di mezza sfoglia alla crema catalana

Io non sono per nulla una fan dei ripieni di crema. Ma a volte mi tocca cedere… 💚

Cominciamo col dire che mio marito metterebbe la crema (rigorosamente gialla) anche nel panino col salame. Io, invece, ne faccio volentieri a meno: non mangio cannoncini, bigné, nemmeno i pasticcini con la frutta. Nada.

Eppure, eppure… Questi dolci sono buoni da far girare la testa. Lui ne ha mangiati tre di fila, e si è fermato solo perché non ce n’erano più. Io però me ne sono sbafati DUE!

Innanzitutto, la sfoglia non è quella sfigata del supermercato (che contiene di tutto tranne burro buono), ma ovviamente preparata usando burro di panna centrifugata e farina decente. E vi assicuro che la differenza SI SENTE, eccome…

E poi la crema: la base vellutata e profumata della crema catalana con una goccia di caramello (solo una goccia, se no il marito si agita…). Una roba di un buono incedibile – e non solo per me, che appunto di solito evito i dolci alla crema come la peste.

Con queste dosi a me sono venuti una decina di pezzi, che ho diviso in due volte.

Ingredienti:

Per la sfoglia:

  • Farina 00: 250
  • Acqua: 125 ml ca
  • Sale: 2 g.
  • Burro per sfogliare: 125 g. (io bavarese)

Per la crema:

  • Latte intero: 250 ml
  • Tuorli: 2
  • Zucchero: 35 g.
  • Maizena: 25 g.
  • Estratto naturale di vaniglia
  • Noce moscata
  • Una punta di zafferano

Per il caramello:

  • Zucchero: 50 gr.
  • Acqua bollente: 25 g.

Per 8-10 pz


Per la crema: montare i tuorli con lo zucchero, unire la maizena e diluire con il latte, facendo attenzione a non formare grumi. Portare su fuoco dolce e cuocere fino a raggiungere una consistenza vellutata e non troppo compatta, si rassoderà ulteriormente raffreddandosi. Fuori dal fuoco unire vaniglia, zafferano e una grattata di noce moscata. Coprire con pellicola a contatto e tenere in fresco.

Per il caramello morbido: versare lo zucchero in un pentolino dal fondo spesso e lasciarlo fondere senza mescolare. Quando raggiunge una bella colorazione ambrata, versarci l’acqua bollente e coprire subito con un coperchio: fare molta attenzione perché gonfia e schizza! Versarlo poi in un barattolino e tenere da parte.

Per la sfoglia: impastare farina, acqua e sale ottenendo un impasto liscio ed abbastanza sostenuto. Avvolgerlo nella pellicola e tenerlo in frigo per almeno 3 ore.

Infarinare leggermente il burro ed appiattirlo con l’aiuto di un foglio di carta forno in forma di rettangolo alto ca 2-3 mm. Tenerlo in frigo, ben avvolto nella carta forno.

Riprendere il pastello dal frigo e stenderlo in forma di rettangolo. Disporre nel mezzo il panetto di burro preparato, quindi ripiegare i lembi della pasta in modo da ricoprirlo.

Eseguire una piega a 4 e una a 3, quindi avvolgere tutto nella pellicole e mettere in frigo per una mezz’ora almeno.

Dopo il riposo, effettuare ancora un giro a 4 e uno a 3, seguiti da un altro riposo.

A questo punto, stendere l’impasto, se necessario rifilando bene i bordi, ottenendo un rettangolo regolare e spesso ca 3 mm. Arrotolarlo su se stesso, avvolgerlo nella pellicola e passare in freezer per una decina di minuti (questo passaggio renderà più semplice tagliarlo).

Togliere il rotolo dal freezer ed affettarlo (fette di ca 2,5 cm di larghezza).

Spolverare con abbondante zucchero semolato il piano di lavoro. Appiattire una fetta prima con le mani, quindi con il mattarello ottenendo una “lingua” di pasta (tenere gli altri pezzi in frigo mentre si lavora).

Farcire con la crema ed una goccia di caramello. Ripiegare la pasta, facendo in modo che il lembo superiore sbordi al di fuori della parte inferiore. Sigillare la pasta intorno alla crema e rimettere in frigo tutti i pezzi pronti per un ulteriore riposo prima della cottura.

Infornare a ca 180° per 25′, o fino a che i dolci saranno ben cotti e coloriti.

Tips&Tricks

  • I dolcetti possono essere preparati in anticipo e tenuti in frigo, già ripieni, per un giorno (potete cioè preparali la sera prima ed infornarli al mattino, se li volete fragranti per colazione), ben chiusi in scatole ermetiche o già in teglia, infilati in un sacchetto gelo ben chiuso
  • Potete variare il ripieno con cioccolato fondente, marmellata, frutta….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.