Filetto di pollo ripieno ai funghi con salsa di formaggio di capra e senape

Qualche blogger più brava di me direbbe che è un piatto “facile e sfizioso”. Io vi dico che è buonissimo 😉😋

Sono distratta ultimamente – dal lavoro, da mille incombenze, dalla mia tiroide che fa la matta e un giorno mi rende letargica e quello dopo mi fa uscire il cuore dalle orecchie. Non che io vi presti molta attenzione, a dire il vero… alla tiroide, dico. Al mio lavoro, sì. Dopotutto, sono una “Milanese Imbruttita”, ce l’ho nel DNA, ma mangiare bisogna mangiare, giusto? e di certo non mi accontento di una bistecchina.

Petto di pollo farcito: a me è sempre piaciuto, basta che non ci sia dentro l’accoppiata prosciutto-formaggio (che detesto – so che sono strana…) ma variando il ripieno si può avere un piatto sempre nuovo e sempre diverso.

A mio modo di vedere, sono poche le cose importanti in questa ricetta:

  • il pollo: sceglietelo buono, preferite quelli allevati senza antibiotici e all’aperto
  • il formaggio: sempre e solo di qualità, personalmente non scelgo MAI formaggi industriali, ma artigianali o almeno dop
  • le erbe: fresche sono preferibili (secche hanno un altro aroma, in questo caso meglio il rametto dal vasetto sul davanzale)
  • la senape: qui non transigo (..!!), deve essere di Digione e non quella roba giallastra da fast-food.

Poi, alla fine, diciamolo: con buona pace di chef e gourmet, se alla fine vi leccate i baffi va bene anche una ricetta “for Dummies”, no??!?…

Ingredienti:

  • Petto di pollo: uno intero
  • Funghi cremini: 3-4
  • Pomodori secchi: 2-3 falde
  • Sale, pepe
  • Un limone (bio con buccia edibile)
  • Un rametto di timo
  • Qualche foglia di salvia
  • Uno spicchio di aglio
  • Brodo di pollo: 1 bicchiere scarso
  • Senape di Digione: 1/2 cucchiaino
  • Vino bianco secco: 1/2 bicchiere
  • Miele: 1/2 cucchiaino
  • Formaggio di capra (tipo morbido e fresco): 2 bei cucchiai
  • Olio extravergine di oliva
  • Burro

Dividere il petto di pollo in due parti, rimuovendo l’ossicino centrale ed eventuali cartilagini. Con un coltello affilato praticare un’incisione ottenendo una tasca da ogni metà.

Pulire i funghi, affettarli e rosolarli in padella con un goccino di olio e lo spicchio di aglio in camicia (che poi andrà tolto). Aggiungere i pomodori secchi tagliati a striscioline, portare a cottura e far raffreddare.

Salare e pepare il pollo, dentro e fuori. Riempire le tasche con il composto e chiuderle con uno stuzzicadenti (io ho preferito usare uno stecco da spiedino, un pochino più lungo, anche se sottile).

in una ciotola sciogliere la senape e il miele nel vino bianco.

In un tegame che possa poi andare anche in forno fondere un cucchiaio di burro con un bel giro d’olio. Quando spumeggia rosolare bene le tasche di pollo da entrambi i lati.

Quando è ben dorato, bagnare con la salsa preparata; far stringere un pochino il fondo, unire il brodo, il timo, la salvia e qualche fettina di limone e passare in forno a 200° per ultimare la cottura (ci vorranno ca 20′, ma dipende da quanto bene avete rosolato il pollo all’inizio).

Estrarre dal forno e togliere il pollo dal tegame; tenerlo ben coperto con alluminio in caldo.

Sciogliere nel fondo di cottura il formaggio e far addensare la salsa su fuoco dolce. Rimettere il pollo in pentola e napparlo con la salsa. Servire caldissimo.

Tips&Tricks

  • Potete accompagnare questo piatto con del riso pilaf o delle patate al vapore
  • Per evitare rischi, il pollo va cotto molto bene, quindi piuttosto qualche minuto in più di cottura che in meno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.