Etnico&Fusion · Pani dal Mondo · Verdura · Zuppe

Zuppa di funghi masala style con flat bread all’aglio ed erbe fresche

Calda, piccante, speziata e servita con un fragrante pane all’aglio ed erbe fresche da “pucciarci” dentro…

E’ appena passato Natale e, anche se quest’anno per molti sarà stato un pochino più sottotono rispetto agli anni passati, di certo non ci siamo fatti mancare qualche bel pranzo ricco e abbondante.

Io, da sempre, detesto chi arriva appena dopo le feste a propinare roba “detox” (mi fa rabbrividire anche solo la parola) o dietetica: mi sembra sempre come se si volesse per forza punire i gaudenti che hanno festeggiato, e la trovo una cosa insopportabile.

Perciò, capisco che non si possa ammazzare il vitello grasso tutte le settimane, ma se proprio vogliamo alleggerirci (più la coscienza che altro… :D) in questo blog trovate decine di zuppe ricche, originali e che di certo non vedete da altre parti: solo per quello vale la pena di provarle..! 😀

Questa non fa eccezione: densa, profumata di spezie esotiche ma con il tocco fresco dato dal tamarindo – fatela piccante quanto vi piace (io un peperoncino intero ce lo metto, non di più) ma NON lesinate sulle spezie né sulle erbe, sono queste che la rendono …. non la solita zuppa.

Quanto al pane… beh, senza lievito, pochi minuti davvero e cottura in padella (o piastra) per un pane sfogliato e super-saporito, ottimo per accompagnare la zuppa (ma anche da solo 😉 )

Ingredienti:

Per la zuppa:

  • Funghi cremini: 200 g.
  • Una patata piccola
  • Aglio: 1 spicchio
  • Zenzero fresco grattugiato: 1/2 cucchiaino
  • Curcuma: 1 cucchiaino
  • Brodo (vegetale o di pollo): 700 ml ca
  • Olio (meglio leggero o di semi): 2 cucchiai
  • Cipolla: una piccola (o cipollotto)
  • Concentrato di pomodoro: 1 cucchiaino
  • Garam masala: 1 bel cucchiaio
  • Peperoncino fresco: 1 piccolo
  • Semi di finocchio: 1 cucchiaino
  • Polpa di tamarindo: 1 quadretto
  • Polpa di cocco: una tazzina (ca 40 g.)
  • Un pizzico di sale
  • Un pizzico di zucchero
  • Un mazzetto di coriandolo

Per il pane:

  • Farina 0: 130 g.
  • Sale: 1 cucchiaino da caffè
  • Acqua calda: 75 ml ca
  • Olio: 1 cucchiaino
  • Uno spicchio di aglio
  • Burro: ca 20 g.
  • Erbe (coriandolo, prezzemolo, menta)

Per 2 porzioni e 3 pani


Preparare il pane: impastare farina, sale e olio con acqua molto calda fino ad ottenere un impasto elastico e morbido. Tenerlo sotto una scodella rovesciata per un’ora almeno.

Intanto avviare la zuppa: lavare e pulire i funghi, togliendo la pellicola, e tagliarli in quarti (o più, se sono grossi). Pelare la patata e tagliarla a dadini. Tritare lo spicchio di aglio con lo zenzero e far dorare il tutto in un filo d’olio, spolverando con la curcuma. Unire le verdure, far saltare per qualche minuto a fiamma vivace; aggiungere il brodo, un pizzico di sale e cuocere a fiamma moderata finché le verdure siano ben morbide.

Mettere a bagno il tamarindo in mezzo bicchiere di acqua calda.

A parte, affettare il cipollotto. Versare l’olio in un pentolino, unire il garam masala, il peperoncino – aperto e privato dei semi – i semi di finocchio, il concentrato di pomodoro e far andare qualche minuto. Aggiungere poi il cipollotto ed un pizzico di zucchero. Farlo caramellare, quindi unire il cocco. Friggere ancora, fino a che tutto diventi scuro e fragrante. A questo punto, unire l’acqua di tamarindo, facendola passare da un colino, premendo la polpa per ricavarne il più possibile. Spegnere, far raffreddare quindi passare tutto in un grinder, ottenendo una specie di pasta profumata.

Una volta portata a cottura la zuppa, passarne una parte con un frullatore a immersione o col passaverdure. Versare in pentola anche la miscela preparata e mescolare. Aggiustare di sale, unire del coriandolo fresco tritato e tenere in caldo.

Per formare il pane: fondere il burro in un pentolino ed unirvi l’aglio spremuto. Tritare le erbe scelte. Riprendere l’impasto e dividerlo in tre parti. Stendere ogni parte in una lingua sottile con l’aiuto del mattarello, spennellare con il burro preparato e cospargere con il trito di erbe. Arrotolare la lingua di impasto su se stessa, formando un tubicino, quindi formare una chiocciola. Procedere così con gli altri pezzi di impasto. Scaldare intanto una padella anitaderente.

Stendere ogni chiocciola preparata con il mattarello formando un cerchio sottile. Cuocere sulla padella calda pochi minuti per parte, fino a che si formino delle macchie colorite. Tenere i pani coperti da un canovaccio per conservare il calore (così rimarranno morbidi).

Servire la zuppa ben calda con i pani tagliati a quarti.

Tips&Tricks

  • Il pane si prepara appena prima di mettere su la zuppa, così mentre questa cuoce l’impasto riposa
  • I funghi devono essere bianchissimi, molto sodi al tatto e profumati
  • La zuppa può essere preparata in anticipo e poi scaldata tranquillamente mentre cuocete il pane

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.