Piatti unici

Tagliata di pollo al gratin con risoni e feta

Lasciatemi dire che la lunga (lunghissima, per i miei standard…) assenza dal blog ha delle ragioni più che valide.

Prima fra tutte, una stanchezza terribile, dovuta a mesi di isolamento quasi totale (anche dopo la fine del lockdown), chiusa in casa a lavorare per ore, senza soluzione di continuità. Non c’era spazio, nella mia testa, per niente altro. E poi, e questa è la ragione che preferisco :D, un po’ di vacanza – servita per far uscire il… vapore, per evitare una implosione ormai molto vicina.

Mangiato si è mangiato, eh, ma cose banali, fatte spesso al volo a causa di orari ingestibili e nei ritagli di tempo.

Ovviamente, come tutti credo, al rientro dalle ferie si fanno tanto buoni propositi, soprattutto io che, in tempi che mi sembrano ormai lontanissimi, avevo portato avanti la mia battaglia per il mio personale downshifting – e oggi mi trovo ad aver fatto molti passi avanti in quella direzione, ma certamente anche qualcuno indietro.

Comunque, il preambolo era solo per prendere tempo e prepararvi a questo che NON è un piatto gourmet, non è ricercato né “moderno”: è un vero, semplice comfort food, caldo (dove è finita l’estate?? qui è già autunno…), saporito, pieno di ricordi e di ispirazione ad un luogo che amo molto (vi lascio indovinare quale…). Il tutto – preparazione, cottura e lacrimucce di nostalgia comprese – pronto in mezz’ora.

Ingredienti:

  • Tagliata di pollo: 300 g.
  • Farina bianca q.b.
  • Origano secco
  • Salsa di pomodoro: 200 g.
  • Brodo di pollo: 1 bicchiere ca
  • Olio extravergine di oliva
  • Cipolla bianca: un bello spicchio
  • Cannella: 1/2 cucchiaino
  • Coriandolo macinato: 1/2 cucchiaino
  • Sale, Pepe nero
  • Un pizzico di zucchero
  • Vino bianco: 1 dito
  • Qualche filetto di pomodoro secco
  • Peperoni verdi friggitelli: 3-4, piccoli
  • Pasta formato “Risoni”: 2-3 manciate
  • Feta: 80 g. ca
  • Timo fresco
  • Un foglia di alloro
    Per una-due porzioni

Versare in un piatto due-tre cucchiai di farina, a cui mescolare origano e una macinata di pepe. Infarinare leggermente le fette di pollo.

In un tegame di coccio abbastanza alto scaldare due cucchiai di olio extravergine di oliva e rosolare bene le fette di pollo da entrambi i lati (potreste aver bisogno di farlo in due volte). Togliere dal tegame e tenere da parte.

Nello stesso coccio aggiungere ancora un goccino d’olio e farvi rosolare la cipolla affettata fine con un pizzico di zucchero. Quando è ben dorata, sfumare con un goccino di vino, far evaporare ed aggiungere la salsa, il brodo, le spezie, i friggitelli (lavati ma lasciati interi), l’alloro e il timo.

Coprire ed attendere che il liquido frema, quindi unire i risoni. Cuocere per 3-4 min, spegnere il fuoco e rimettere in pentola il pollo e i filetti di pomodoro secco. Guarnire con la feta tagliata a cubetti e passare in forno a 200° per 15′ min ca (o fino a che la feta sia leggermente gratinata).

Servire ben caldo.

Tips&Tricks

  • Se non trovate la tagliata già pronta, affettate un petto di pollo in verticale, ottenendo fette piccole e non troppo sottili
  • Al posto della salsa, potete usare del pomodoro fresco ben maturo, semplicemente grattugiato, e un cucchiaio di concentrato
  • Il piatto può essere preparato in anticipo; solo prima di servirlo unite la feta e mettete tutto in forno
  • Nella cucina greca il formato “risoni” è piuttosto comune (entra ad es. in un piatto tipico di origine turca, lo giuvetsi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.