Pasta fresca · Primi

Tortelloni alle pere nashi e Parmigiano, salsa al Martini e riduzione di melograno

Pasta ripiena: un classico, soprattutto nelle feste. Però, invece dei soliti ricotta-e-spinaci o salmone, si può provare qualcosa di nuovo, no? 🙂 E QUI potete sbizzarrirvi…

tortelloni alle pere nashi

Alle decine di ricette già presenti (e nessuna è tra le sopra citate.. 😉 ), ne aggiungo ancora una: pochi, semplici ingredienti per un piatto de-li-zio-so.

Partiamo dalla sfoglia: ricca e corposa, a base di semola e farro. Il ripieno? la fresca pera nashi con dell’ottimo Parmigiano stagionato e una punta piccante e agrumata.

Ma la vera svolta è la salsa: se amate il Martini almeno la metà di me, allora è decisamente per voi… 😉

Siccome poi tutti i sapori vanno bilanciati, aggiungiamo una goccia di melograno, fresco e leggermente acido.

Buon appetito!

tortelloni alle pere nashi

Ingredienti:

Per la sfoglia:

  • Farina di farro: 80 g.
  • Semola rimacinata: 80 g.
  • Uova, 1 e 1/2 (tenere l’avanzo per il ripieno)

Per la farcia:

  • Pera nashi: una metà
  • Parmigiano Reggiano: 80 g.
  • Ricotta: 100 g.
  • Quark: 50 g.
  • Pangrattato: 1 cucchiaio
  • Uova: un cucchiaio
  • Pepe all’arancia
  • Noce moscata

Per la salsa:

  • Vermouth secco: 30 ml
  • Burro: 30 g.
  • Panna: 80 ml
  • Cipolla seccata: 1/2 cucchiaino
  • Pepe all’arancia
  • Sale
  • Un rametto di timo

Per la riduzione:

  • Spremuta di melograno: 100 ml
  • Zucchero, 1 cucchiaino
  • Maizena: 1/2 cucchiaino

Per 30 pz


Per prima cosa, mettere a scolare la ricotta in un colino foderato di garza per almeno 3 ore. Quindi lavare e ridurre la pera nashi in dadini, tritandola al coltello.

In una ciotola riunire la ricotta sgocciolata, il quark, il Parmigiano e la pera tritata. Mescolare bene, quindi aggiungere un cucchiaio di uovo battuto, poco pangrattato una bella macinata di pepe all’arancia e noce moscata grattugiata.

Sistemare il ripieno in una sacca da pasticcere e riporre in frigo per un’oretta.

Intanto, preparare la sfoglia: impastare le farine setacciate con le uova battute; il composto deve risultare liscio ma molto sodo ed asciutto. Avvolgerlo in silicone riusabile e farlo riposare per mezz’ora.

Riprendere l’impasto e tirarlo sottile (io tacca 7 della macchina); ritagliarlo in quadrati di 5 cm di lato, farcirli con una noce di ripieno e formare i tortelloni. Farli asciugare sull’apposita gratella.

Per la riduzione al melograno, stemperare la maizena con il succo del melograno. Aggiungere quindi lo zucchero e portare sul fuoco dolce finché non diventa uno sciroppo. Tenere da parte.

Mentre lessano i tortelli (la semola è “tosta”, ci vorranno almeno 7-8 min di cottura), fondere il burro in un tegamino insieme alla cipolla seccata e al timo.

Appena sfrigola, unire il Vermouth. Fa evaporare l’alcol, quindi unire la panna, il sale e il pepe. Lasciar sobbollire qualche minuto, quindi togliere dal fuoco.

Condire i tortelloni ben caldi con la salsa e completare con la riduzione di melograno.

Tips&Tricks

  • La sfoglia per la pasta ripiena va tirata bella sottile: i ravioli gnucchi sono tremendi..
  • Sempre meglio far sgocciolare la ricotta destinata ad un ripieno, o inevitabilmente bagnerà la pasta
  • La pera nashi si trova ormai in tutti i supermercati: io la trovo deliziosa
  • Se non trovate il pepe all’arancia, usate quello bianco ed aggiungete un pizzico di zeste di arancia grattate

tortelloni alle pere nashi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...