Pasta fresca · Primi

Cavatappi al farro con ragout di maiale, porcini e ribes fresco

cavatappi al farro

Mi arrendo: è autunno… Non che io smetta di impastare quando fa caldo, ma con le prime nebbie, le pioggerelle, le giornate che si accorciano viene voglia di qualche piatto… consolatorio, bello ricco, che profumi la casa di buon cibo (e riempia la cucina di farina, ma questa è un’altra storia :D)

In fondo, questo è solo un piatto di pasta al ragout; un ragout bianco, come piace a me, con erbe profumate – rosmarino e ginepro – e il tocco fresco del ribes, leggermente aspro, che si sa, il maiale va “sgrassato” 🙂

Un bel porcinetto, che io cuocio a parte, ci darà infine l’dea che, dopo tutto, anche la brutta stagione non è così male, se possiamo sederci alla sera, dopo una lunga giornata di lavoro, con chi amiamo – che, poi, è il motivo per cui si cucina e non si fa da mangiare… 😉

cavatappi al farro

Ingredienti:

  • Farina di farro, 50 g.
  • Semola di grano duro, 100 g.
  • Uova, 1
  • Acqua, q.b.

Per il condimento:

  • Macinato di maiale, 150 g.
  • Sedano, carota, cipolla
  • Vino bianco
  • Rosmarino, 1 rametto
  • Aglio, 1 spicchietto
  • Un mazzetto di prezzemolo
  • Ginepro, un paio di bacche
  • Brodo di verdura
  • Sale, pepe
  • Ribes fresco, un paio di rametti
  • Funghi porcini, 70 g.

Per 2 porzioni abbondanti


Per la pasta, lavorare le farine con l’uovo aggiungendo l’acqua un goccino alla volta, per ottenere un impasto sodo e per nulla appiccicoso. Avvolgerlo nella pellicola e farlo riposare almeno mezz’ora.

Dividere l’impasto in piccole porzioni (come uno gnocco) e ricavarne dei rotolini sottili, dello spessore di grossi spaghetti. Dividerli in pezzi ed arrotolare ciascun pezzo usando uno stecco di legno, ben spolverato di semola. Disporre i cavatappi su un tagliere di legno o sull’apposita gratella per farli ben asciugare.

Per il condimento: preparare un trito di sedano, carota e cipolla e farlo appassire in un filo d’olio extravergine. Rosolarvi la carne e, quando è bella dorata, sfumare col vino bianco. Abbassare la fiamma, aggiungere il rosmarino e un bicchiere di brodo caldo. Salare e pepare, continuando la cottura con il coperchio.

Intanto, pulire ed affettare i funghi e rosolarli in un filo d’olio con uno spicchietto di aglio e poco prezzemolo tritato. Una volta cotti, tagliarli a pezzetti e tenere da parte.

A metà cottura della carne, unire il ribes sciacquato e sgranato, quindi i funghi preparati.

Il ragout è pronto quando il fondo sarà denso e ben amalgamato.

Cuocere i cavatappi (ca 5 min), quindi scolarli e mantecarli nella padella del ragout.

Servire con abbondante pepe macinato al momento e Parmigiano Reggiano a parte.

cavatappi al farro

Tips&Tricks

  • Un formato facilissimo da fare: infarinate bene lo stecco e non premete troppo mentre avvolgete la pasta. Si sfilerà facilmente e terrà benissimo la forma
  • Il ragout si può preparare in anticipo
  • Si possono usare anche porcini surgelati

cavatappi al farro

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...