Lievitati · Piatti unici

Pizza “moretta” con luganega, erbette e nocciole tostate

Un impasto speciale, fa vo lo so (a casa è il preferito) con cacao amaro a lunga lievitazione: e basterebbe già così… 😀

pizza moretta

Per una buona pizza, si parte da un ottimo impasto. Scordatevi di farla in due ore: il risultato sarebbe quello che, purtroppo, vediamo troppo speso in giro.

Io parto da farina buona (bio, di mulino) idratazione intorno al 70%, pochissimo lievito e almeno 24h tra lievitazione e maturazione in frigo.

Poi… un pizzico di creatività e la pizza può diventare un vero piatto gourmet (ma vero: non come quelli che spacciano per gourmet una pizza gommosa e immangiabile… 😉 )

L’aggiunta di cacao amaro l’avevo già sperimentata QUI, e da allora tocca rifarla – in diverse varianti – spessissimo, perché onestamente è una bontà.

Ingredienti:

  • Farina 1 di mulino, 60 g.
  • Farina 0 di mulino, 200 g.
  • Cacao amaro, 10 g.
  • Zucchero, 1 pizzico
  • Sale, 3 g.
  • Lievito di birra, 1/2 (mezzo) g.
  • Malto, 2 g.
  • Acqua, 180 ml ca

Per la farcitura:

  • Un mazzetto di erbette fresche
  • Stracchino, 200 g.
  • Luganega monzese, 150 g.
  • Aglio, uno spicchietto
  • Sale, pepe
  • Olio extravergine di oliva
  • Un pugno di nocciole tostate

Per 2 pizze al piatto


pizza moretta

Setacciare farina, malto e cacao in una ciotola. Unire 125 ml ca. di acqua ed intridere le polveri, senza impastare troppo bene. Coprire con un canovaccio umido e lascare in autolisi per almeno 2 ore.

Riprendere la ciotola ed aggiungere il pizzico di zucchero, il lievito e il resto dell’acqua a filo, regolandosi con l’assorbenza della farina: l’impasto deve comunque essere molto idratato e soffice. Per ultimo aggiungere il sale ed impastare fino ad ottenere una palla di impasto liscia ed elastica. Riporla in una ciotola leggermente unta di olio, chiuderla bene e portare quasi al raddoppio. Passare l’impasto in frigo per almeno 18 ore.

Per il condimento: lavare e mondare le erbette e, senza sgrondarle troppo, versarle in un largo tegame dove si era fatto rosolare uno spicchietto d’aglio in un filo di olio evo. Togliere l’aglio e far cuocere le erbette finché siano tenere. Salare e pepare e farle raffreddare.

Sgranare la luganega e tagliarla a bocconcini. Versarla in una padella, a freddo e senza condimenti. Accendere la fiamma e far andare finché la luganega non abbia rilasciato il grasso. Scolarla e tenerla da parte.

Tirare fuori l’impasto 2-3 ore prima della cottura. Dividerlo in due parti e lasciarle sulla spianatoia, sotto un telo umido, fino a che raddoppiano di volume.

Stendere le pizze con le mani, ponendo le nocche al di sotto del disco di pasta, tirandolo e nello stesso tempo girandolo, tenendo la base molto sottile ma il bordo un po’ più alto.

Farcirle con lo stracchino a tocchetti, le erbette e la luganega. Cuocerle (io fornetto Ferrari per ca 3 min. e mezzo) e spolverare con le nocciole grossolanamente tritate.

Tips&Tricks

  • Usate cacao amaro di ottima qualità, è essenziale per aroma e gusto finale dlla pizza
  • Se non trovate lo stracchino perché non è stagione, potete usare la crescenza
  • Non aumentate il lievito. La lievitazione è lunga, ma l’impasto sarà un nuvole di leggerezza!

pizza moretta

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...