Brioche di Natale “esotica”

Siete stufi dei soliti panettoni e pandori?.. Io no, mai. Tuttavia, i tempi per realizzare un BUON panettone o pandoro non si conciliano coi miei impegni lavorativi. Con questa brioche, ce la caviamo con un giorno (ma lievita da sola, non dobbiamo mica stare a guardarla!)

brioche di natale

Questa brioche è una delizia. Soffice in modo pazzesco, filante, senza canditi classici ma con frutta esotica disidratata: papaya, mango, pomelo, e in più ciliegie e uvetta, per un aroma tutto nuovo ed intrigante.

Comunque, questa brioche è veramente una nuvola, merito del tang zhong (o roux), un miglioratore veramente semplice da realizzare ed utilizzare. Naturalmente, perché il risultato sia davvero super-morbido, l’impasto deve essere piuttosto idratato, perciò meglio munirsi di impastatrice planetaria perché diversamente incordatura e “velo” possono essere un po’ difficoltosi da raggiungere.

Ingredienti:

  • Farina manitoba, 190 g.
  • Farina 00, 80 g.
  • Zucchero, 70 g.
  • Burro, 50 g.
  • Uova, 1 grande
  • Latte, 40 g.
  • Latte in polvere, 7, 5 g.
  • Lievito di birra secco, 2 g.
  • Rum, 1 cucchiaio
  • Estratto di vaniglia naturale
  • Buccia d’arancia grattugiata
  • Sale, 1 pizzico
  • Frutta esotica candita (papaya, mango, pomelo…), 70 g.

Per il tang zhong:

  • Farina (presa dal totale), 15 g.
  • Acqua, 75 g.

 

brioche di natale

Per prima cosa, preparare il tang zhong: mescolare farina e acqua accuratamente; portare su fuoco dolce e cuocere per pochi minuti, finché la miscela non si addensa (non deve essere solida, ma solo cremosa). Trasferire in una ciotolina, coprire con pellicola a contatto e far raffreddare per alcune ore.

Far ammorbidire il burro con gli aromi.

Nella ciotola dell’impastatrice riunire farina, zucchero, malto, latte in polvere e lievito. Aggiungere il tang zhong a temp. ambiente, l’uovo battuto ed avviare la macchina. Unire il latte tiepido a filo, quindi il burro aromatizzato poco per volta, facendolo bene assorbire. Per ultimo il sale.

Impastare per ca. 15 min., quindi rovesciare l’impasto, che sarà molto morbido, sulla spianatoia e coprire a campana con la ciotola rovesciata. Non aggiungere troppa farina, o il risultato non sarà abbastanza soffice.

Fare due giri di pieghe slash&fold, intervallate da una pausa di 15′.

brioche di natale

A questo punto l’impasto sarà elastico, morbido e non più appiccicoso. Farlo bene a palla e porlo a lievitare in una ciotola unta e chiusa ermeticamente.

Intanto, tagliuzzare i canditi. Una volta raddoppiato, riprendere l’impasto ed incorporare i canditi. Dividere in 4 parti uguali e stendere ciascuna in un rettangolo. Stendere di nuovo nell’altro senso, arrotolare e disporre nello stampo imburrato.

Coprire con un canovaccio umido e far lievitare di nuovo.

Scaldare il forno a 170°. Inserire un pentolino con acqua bollente sul fondo.

Spennellare la brioche con latte ed infornare per ca. 35-40 min., coprendo con un foglio di alluminio in caso la superficie si colorisse troppo.

Far raffreddare su una gratella.

Tips&Tricks

  • Dopo la formatura, la brioche può essere riposta in frigo, ben chiusa in un sacchetto ermetico, per tutta la notte. Il giorno dopo, toglierla dal freddo, farla di nuovo raddoppiare e procedere con la cottura
  • Con il tang zhong, ottengo risultati migliori usando il lievito di birra

brioche di natale

 

Pubblicità

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. ipasticciditerry ha detto:

    Favolosa! Me la salvo ❤️

    "Mi piace"

    1. alessiamassari ha detto:

      È una cosetta semplice, ma bisogna pur fare colazione anche a Natale! 😁

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.