Pasta fresca · Piatti unici · Primi

Zuppetta di cipolle e baccalà al passito con gnocchetti freschi di grano arso, pinoli e limone

grano arso e baccalà

Usare la Crock Pot per queste cotture lente è un fatto non solo di grande comodità – non bisogna sorvegliare niente sui fornelli – ma soprattutto di resa in termini di sapore e  di qualità del risultato finale. Infatti, non si aggiungono liquidi in più, che “allungherebbero” il gusto, e  non si rovinano (troppo) le proprietà dei cibi strapazzandoli con temperature elevate soprattutto per cotture così lunghe.

Una zuppetta straricca di sapore, che cuoce a bassa temperatura per mooolte ore, e per la quale, invece del vino bianco, uso un meraviglioso vino passito: aromi intesi, profumi del sud (io ho usato un passito di Noto), una traccia quasi caramellata ma elegante che esalta la sapidità del baccalà in modo incredibile.

Poi, ovvio che la pasta fatta a mano con una farina eccellente fa la sua parte, eh… 🙂

Ah, io non uso sale in questa ricetta, non ce n’è bisogno.

grano arso e baccalà

Ingredienti:

Per gli gnocchetti:

  • Semola rimacinata, 120 g.
  • Farina di grano arso, 30 g.
  • Acqua q.b.

Per il condimento:

  • Un pezzo di baccalà, già dissalato e senza spine
  • Cipolle bionde, 1 bella grossa (o un paio piccole)
  • Un ciuffetto di aneto
  • Una foglia di alloro
  • Vino passito, 1/2 bicchiere
  • Brodo vegetale, 1 bicchiere
  • Pepe nero
  • Olio extravergine di oliva
  • Peperoncino a piacere
  • Pinoli, una cucchiaiata
  • Scorza di limone (bio)

Per 2-3 porzioni


Pelare ed affettare le cipolle sottilmente. Trasferirle nella Crock Pot, insieme ad abbondante pepe, il peperoncino, il vino passito e il brodo. Condire con un giro di olio extravergine, chiudere il coperchio e far cuocere per ca. 3 ore su Low.

Sciacquare il baccalà (io lo prendo già dissalato e il mio pescivendolo mi toglie tutte le spine). Spellarlo, tagliarlo a pezzetti ed aggiungerlo in pentola insieme alla foglia di alloro, l’aneto tritato e un poco di brodo se servisse (regolatevi in base al liquido già formatosi). Chiudere e continuare la cottura per un altro paio d’ore, o comunque fino a che il baccalà sia quasi sfatto e le cipolle ridotte in crema.

Intanto preparare gli gnocchetti: impastare le farine con acqua sufficiente ad ottenere un impasto liscio e sostenuto. Avvolgerlo nella pellicola e farlo riposare una mezz’ora.

Riprendere l’impasto, dividerlo in pezzi ed ottenere dei “rotolini” spessi come un mignolo. Tagliarli a tocchettini e passarli sul rigagnocchi.

Mentre cuoce la pasta, tostare a secco i pinoli in un padellino e prelevare la scorza del limone a filetti. Versare gli gnocchetti cotti nella zuppa e lasciarli sobbollire ancora un minuto. Servire finendo coi pinoli tostati e la scorza di limone.

Tips&Tricks

  • Il vino passito dà una rotondità e un’intensità di sapore incredibile a questa zuppa: le cipolle caramellizzano leggermente in cottura grazie agli zuccheri del passito
  • Io tolgo la foglia di alloro dopo ca. un’ora di cottura o l’aroma sarà troppo marcato
  • Gli gnocchetti hanno un tempo di cottura lunghetto, non meno di 8-9 min

grano arso e baccalà

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...