Pasta fresca · Primi

Ravioli di fave, pecorino e pere con aglio nero e frutta secca piccante

fave pecorino e pere

Chissà perché mi sono ritrovata in freezer un sacchettino di fave, che avevo messo via da fresche per qualche uso di cui neanche mi ricordo (o che non avevo ancora deciso bene). Meno male, però: perché adesso so che cosa farci 🙂

Dicevamo, le fave: un legume che dalle mie parti si usa poco o niente, al massimo nei minestroni primaverili. Mi ricordo che le avevo trovate (forse per la prima volta) al mercato, e quindi ho pensato bene di sbaccellarle e congelarle finché fosse arrivato il “loro” momento. Che è stato oggi, complice una giornata non bellissima (e il troppo tempo che la nonnapapera è rimasta sullo scaffale in cucina).

fave pecorino e pere

Ravioli con le fave, ma mica solo: potrei?…. 😀 Io ci ho messo le pere, perché si sa: cacio e fave, cacio e pere… perché non chiudere il cerchio? che poi è un triangolo, d’amore e d’accordo, a riprova che la storia del terzo incomodo non è sempre vera…

Ah, dell’aglio nero ho già parlato QUI.

fave pecorino e pere

Ingredienti:

Per i ravioli:

  • Semola rimacinata, 120 g.
  • Uova, 1
  • Acqua q.b.
  • Fave già sgusciate, 150 g. ca.
  • Ricotta, 50 g.
  • Pecorino fresco, 50 g.
  • Una piccola pera (o mezza, se è grande)
  • Sale, pepe
  • Un pizzico di menta secca

Per il condimento:

  • Frutta secca mista (noci, mandorle, pinoli…), una manciata
  • Aglio nero, uno spicchio
  • Peperoncino a piacere
  • Un filo d’olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Ricotta, qualche cucchiaio

Per ca. 30 ravioli


Bollire le fave in acqua leggermente salata. Scolarle, farle raffreddare e sgusciarle;  pesarne 150 g. ca.

Tasferirle in una ciotola, schiacciarle con una forchetta ed aggiungere ricotta, pecorino grattugiato, sale, pepe, la menta e la pera sbucciata e grattugiata. Tenere il ripieno in frigo fino all’utilizzo.

Impastare la semola con l’uovo e un goccino d’acqua, ottenendo un impasto molto sodo e non appiccicoso. Avvolgerlo nella pelicola e lasciarlo riposare almeno mezz’ora.

Tirare la pasta molto sottile, farvi dei mucchietti di ripieno e tagliare i ravioli della forma preferita (io stavolta ho usato uno stampo che con una passata di mattarello mi consente di realizzare una decina di ravioli alla volta).

Far asciugare i ravioli sull’apposita griglia.

Mettere una pentola d’acqua sul fuoco; in un padellino porre un goccino di olio extravergine di oliva e un peperoncino sbriciolato (regolatevi secondo la piccantezza che preferite). Tostare la frutta secca a fiamma vivace, quindi versarla nel mixer ancora calda e frullare con l’aglio nero e la ricotta. Aggiustare di sale e pepe. Lessare i ravioli per ca. 8 min. (la semola è più “tosta”).

Versare il condimento in una larga padella con un poco di acqua di cottura dei ravioli, e mantecarli con un filo di olio.

fave pecorino e pere

Tips&Tricks

  • Vi domandate come faccio ad ottenere 30 ravioli grandi con così poca farina? perchè tiro la sfoglia sottile e riutilizzo tutti gli sfridi
  • In questo ripieno preferisco la menta secca a quella fresca, ha un sapore completamente diverso che non copre il gusto della pera
  • Ho usato una pera Fiorella, che mi piace molto: è soda e asprigna, molto profumata, e non essendo… brodosa va bene nel ripieno
  • La salsetta piccante è deliziosa. Invece della ricotta si può usare della panna (sì, siamo passati al metterla ovunque al non usarla nemmeno quando serve…).

fave pecorino e pere

Annunci

2 risposte a "Ravioli di fave, pecorino e pere con aglio nero e frutta secca piccante"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...