Pasta fresca · Piatti della tradizione · Primi

Cappelletti da brodo, ricetta-base

cappelletti

Mi han detto che faccio piatti “costosi”, che scelgo ingredienti “difficili”, che non amo la “tradizione” (beh, questo è vero…!). Ecco allora una ricetta che più tradizionale non si può, a costo bassissimo e con ingredienti che ormai si trovano anche nelle isole del Pacifico: la ricetta dei cappelletti da fare in brodo (che sia buono, però).

E’ una ricetta-base, veramente; tuttavia, non aspettatevi aneddoti su nonne o zie o tantomeno mamme che confezionavano con amore i cappelletti la domenica mattina, perchè non ne ho proprio; sono l’unica in casa mia che ha sempre fatto la sfoglia, sono una pecora nera, non c’è che dire.

Ingredienti:

  • Semola rimacinata, 300 g.
  • Uova, 3

Ripieno:

  • Crescenza o squacquerone, 350 g.
  • Parmgiano, 40 g.
  • Sale, pepe
  • Scorza di limone
  • Noce moscata
  • Un uovo piccolo

Per un’ottantina di pezzi


Impastare la sfoglia, dapprima in una larga ciotola, quindi sul piano di lavoro, ottenenendo un impasto asciutto e sostenuto: la pasta non deve lasciare tracce sulla spianatoia. Avvolgerla nella pellicola o in un canovaccio umido e farla riposare per almeno un’ora.

Per il ripieno, lavorare il formaggio con una forchetta, fino a renderlo cremoso. Aggiungere il Parmigiano e l’uovo, la scorza grattugiata del limone, un pizzico di sale, pepe e abbondante noce moscata. Una volta che tutto sia perfettamente amalgamato, passare un frigo per una  mezz’ora o più.

Riprendere l’impasto, tirare la sfoglia bella fine (penultima tacca della macchina, se la usate) e ritagliatela in quadrati di ca 3,5-4 cm di lato (a me piacciono grossini, potete farli anche più piccoli).

cappelletti

Su ogni quadrato porre una nocciola di ripieno e chiuderlo prima a triangolo, quindi unendo le punte formare la classica forma a “cappellino”.

Far asciugare i cappelletti sull’apposita griglia.

Cuocerli nel brodo bollente per ca 4-5 minuti.

cappelletti

Tips&Tricks

  • Come ripeto sempre, la sfoglia va tirata sottile: la pasta gnucca e spessa NON è un segno di genuinità…
  • Per chiudere facilmente i cappelletti e sigillarli perfettamente, passare i bordi del quadratino di pasta con la punta di un dito inumidita in acqua prima di piegarli
  • Il ripieno ha gusto delicato ma saporito, ed è perfetto con un bel brodo di carni miste
  • Anche in questo caso, preferisco usare la semola rimacinata: il risultato finale è una pasta brillante, non collosa, che non scuoce nemmeno se lasciate i cappelletti nel brodo quell’attimo in più

cappelletti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.