Molluschi&Crostacei · Pasta fresca · Primi

Gnocchetti di zucca e capesante alla liquirizia

Questo, fatelo. Non state lì a domandarvi “ma come, la LIQUIRIZIA??!!?” perché questo è il matrimonio dell’anno. Non vi dico altro, se non: fatelo (ah, l’avevo già detto??….)

gnocchetti zucca capesante loquirizia

Per il Calendario del Cibo Italiano, oggi è la Giornata Nazionale degli Gnocchi, curata dalla nostra Susanna. Per me, che faccio pasta fresca o gnocchi almeno una volta alla settimana, non c’era modo di non contribuire… e lo faccio con un piatto che mi ha preso un po’ di tempo…. ma solo perché questo è il classico cavallo di battaglia in cui fai tutto a occhio. E stavolta, invece, mi è toccato pesare e misurare (insomma, con un po’ di approssimazione, sto cucinando, mica faccio il geometra!).

Ingredienti:

  • Zucca mantovana, 300 g ca (pulita)
  • Capesante fresche e intere, 4
  • Un albume d’uovo
  • Un pizzico di sale e di noce moscata
  • Semola rimacinata, q.b.
  • Cognac
  • Burro da panna centrifugata, 40 g
  • Liquirizia purissima, un paio di tronchetti grossini
  • Qualche rametto di timo fresco

Per 2 porzioni


Per prima cosa, schiacciare con una forchetta la zucca ben cotta e ancora calda. Salare e spruzzare di noce moscata, rovesciare sul tagliere e fare un buco in mezzo, nel quale porre l’albume e qualche cucchiaio di semola.

Banner-per-intestazione-calendario ciboCominciare ad intridere la zucca con la farina, ed aggiungerne finché il composto sia non più appiccicoso ma ancora estremamente morbido. Lasciar intiepidire, quindi staccare dei pezzi, ridurli in lunghi cilindretti e da questi ricavare gli gnocchetti (io poi li rigo con l’apposito attrezzino di legno, ma van bene anche lisci).

Porre i cilindretti di liquirizia in un piccolo sacchettino alimentare e frantumarli finemente con un batticarne (si può usare il mortaio o anche un macinino da caffè).

Mentre l’acqua di cottura raggiunge l’ebollizione, pulire le capesante e sciacquarle sotto l’acqua corrente, togliere il corallo e tenere da parte. Tritare finemente uno dei coralli ed affettare i molluschi. Buttare gli gnocchi in pentola e fari cuocere per qualche minuto da quando vengono a galla. In una larga padella, far sciogliere il burro. Unire il corallo tritato. Aggiungere i molluschi affettati, sfumare con il Cognac e spolverare con la liquirizia polverizzata, un pizzico di sale e qualche fogliolina di timo.

Buttare nella padella gli gnocchetti cotti facendoli ben insaporire a fuoco vivace.

Servire con una generosa macinata di pepe.

gnocchetti zucca capesante loquirizia

Tips&Tricks

  • Cominciamo dalla liquirizia: serve di ottima qualità, purissima e senza additivi. Io la prendo alla Drogheria Soana di Milano, un posto meraviglioso dove tutte le mie richieste più strane vengono esaudite
  • Poi, le capesante: io preferisco quelle atlantiche, grosse e saporite. Fresche, quelle surgelate sono tutta acqua. La cottura deve essere rapidissima o diventano gommose
  • La zucca: meglio la mantovana, che è più gialla che arancio all’interno ed ha una polpa meno acquosa. La cuocio a microonde, in modo che si asciughi bene
  • Negli gnocchi di patate l’uovo MAI, in quelli di zucca – specie se vi ritrovate un ortaggio acquoso – un albume aiuta la tenuta (se però unite una patata all’impasto, non serve)
  • Non utilizzo mai la farina bianca per la pasta, ma sempre la semola: gusto e tenuta imparagonabili. Vale anche per gli gnocchi ed è per questo che non vanno ritirati appena vengono a galla ma hanno bisogno di qualche minuto di cottura in più.

gnocchetti zucca capesante loquirizia

Annunci

11 thoughts on “Gnocchetti di zucca e capesante alla liquirizia

  1. Il connubio zucca, capesante e timo l’ho provato in un orozotto e mi è piaciuto da impazzire. Non oso immaginare il sapore di questi gnocchi, dove mi hai aggiunto anche la liquirizia polverizzata!!! MERAVIGLIOSI!!!
    Grazie per il contributo

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...