Antipasti · Appetizer · Pesce di lago · Prodotti del Territorio

Polpettina di lavarello e banana seccata con mayò “antica” ai capperi di Gargnano

In questo periodo, sui nostri laghi, è un pullulare di sagre e feste in cui i pesci di lago la fanno da padrone nella loro veste più tipica: fritti o in carpione. Buonissimi, sempre, ma un pesce delizioso e pregiato come il lavarello è davvero versatile e creativo in cucina.

Polpettine sfiziosissime, croccantissime fuori – grazie alla panatura di farina di mais – e soffici dentro (mi raccomando, NON aggiungete pane all’impasto!) e nessuno capirà mai l'”ingrediente segreto“: le banane!….

polpettine2

Ingredienti:

  • Un lavarello di media grandezza
  • Una patata piccola
  • Alcune falde di banana disidratata
  • 1 albume
  • Farina di polenta del Garda Bresciano, qualche cucchiaio
  • Qualche stelo di erba cipollina
  • Sale, pepe

Per la salsa:

Ca 10 polpettine


polpettine di lavarelloRicavate dal lavarello i filetti, che andranno anche spellati.

Rassodate l’uovo; lessate la patata in acqua leggermente salata.

Con un macinino da caffè riducete in polvere le banane disidratate (potete anche usare un batticarne, ponendole in un sacchettino per alimenti e frantumandole delicatamente).

Preparate la salsa: ponete in un contenitore l’uovo sodo sbriciolato, un cucchiaio di aceto di mele, i capperi sciacquati, una macinata di pepe e cominciate a frullare con un frullatore ad immersione aggiungendo a filo l’olio – bisognerà ottenere una crema liscia e consistente. Salate leggermente (io non ho aggiunto sale perchè i capperi sono comunque sufficientemente sapidi).

Tenete la salsa in frigo fino al momento di servire.

polpettine di lavarelloPer le polpettine, mettete nel bicchiere del frullatore il pesce a pezzetti, l’albume, la patata lessa, due cucchiaini di polvere di banana seccata, sale e pepe e l’erba cipollina. Frullate quel tanto che basta ad amalgamare il composto, che andrà fatto riposare in frigo per una mezz’ora.

Per formare le polpettine, prelevate con l’aiuto di un cucchiaio una quantità di composto pari a una noce, formate una pallina e rotolatela in un piatto in cui avrete versato la farina gialla. Le polpettine andranno rosolate in olio  oliva a fuoco vivace pochi minuti per parte e servite con la loro salsa di accompagnamento.

Logo-Garda-Cooking-Cup

Con questa ricetta partecipo all’edizione 2016 di Garda Cooking Cup, una competizione che unisce in un unico progetto la vela amatoriale, la cucina di qualità e le eccellenze del territorio.

Tips&Tricks

  • Perchè la banana? perchè la polpa del lavarello ha un fondo appena amarognolo che si sposa benissimo con il dolce della banana che, disidratata, perde comunque l’eccesso di dolcezza mantenendo il suo aroma particolare
  • Personalmente, detesto la maionese classica (così come tutte le preparazioni che prevedano uova crude); ho ripensato a come mia nonna faceva la salsa verde (con l’uovo sodo), ed è davvero una tecnica semplice per preparare salse gustose – anche quella per il vitel tonné – e igienicamente sicure (oltre che più leggere), quando non si abbia voglia o tempo di pastorizzare le uova.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...