Secondi

Petto d’anatra al ribes e pistacchi per la Settimana dei Frutti di Bosco

anatra al ribes

Il Calendario del Cibo Italiano celebra, a partire da oggi, i deliziosi piccoli frutti di bosco. Una settimana dedicata a mirtilli, lamponi, more, fragoline – conosciuti ed apprezzati ovunque – e ai più rari sassifragacei: uva spina, ribes rosso, nigrum, bianco.

Per la delicatezza delle loro bacche, meglio consumarli subito o “ricettarli” nelle amate preparazioni dolci (sciroppi, conserve, gelati) oppure in qualche insolito e speciale piatto salato: nel post della nostra amica Fausta e in quelli dei Contributor ci sono idee per tutti, e soprattutto per chi ha la fortuna di avere a disposizione un raccolto di fruttini – coltivati o selvatici – con cui sbizzarrirsi adesso che è la loro stagione.

Banner-per-intestazione-calendario cibo

Il Ribes rosso

Il ribes rosso presenta un’elevata concentrazione di vitamine del gruppo A, B, C e K, così come minerali come calcio, ferro, sodio, zinco, fosforo e potassio. È utilizzato nella medicina tradizionale e in fitoterapia sin da tempi antichissimi, soprattutto perché pare sia un potente antinfiammatorio, oltre che un ottimo diuretico. Inoltre, sembra che sia un valido aiuto per preparare il corpo a combattere infezioni e agendi patogeni esterni.

Il suo sapore fresco ad acidulo si presta benissimo ad accompagnare le carni rosse e la selvaggina. Io l’ho scelto per accompagnare il petto d’anatra, glassato e croccante, con una salsa dal colore e dal profumo delizioso.

Ingredienti:

  • Petto d’anatra, 1 (ca. 350 g.)
  • Ribes fresco, 250 g.
  • Miele, 2 cucchiai
  • Porto, 1/2 bicchiere
  • Sale all’ibisco
  • Pepe nero
  • Timo, un rametto
  • Pistacchi al naturale, 2 cucchiai

Per due porzioni.


Come prima cosa, sgranare il ribes e passarlo al passino, recuperando il succo. Tritare i pistacchi a coltello o pestandoli delicatamente. Accendere il forno a 180°.

Togliere eventuali piumette dal petto d’anatra ed inciderlo a griglia. Salarlo e peparlo da entrambi i lati e porlo in una padella a freddo, dalla parte della pelle. Accendere la fiamma e lasciare che la pelle si colorisca bene, perdendo parte del grasso. Bastano pochi minuti. A questo punto, rigirare la carne sul lato della polpa, e scottarla al massimo per un paio di minuti. Toglierla dalla pentola e posarla su una teglia da forno, con la pelle verso l’alto. Spennellarla di miele, unire il rametto di timo e metterla in forno caldo a 180° ventilato per 8-10 minuti, non di più. Togliere quindi la carne dal forno, coprire con alluminio e far riposare, riservando i succhi rilasciati in cottura.

Intanto, riscaldare la padella usata in precedenza; se il petto d’anatra è piccolo, non sarà necessario eliminare il grasso in eccesso. Unire il miele e far caramellare. Deglassare con il Porto; una volta evaporato l’alcol, unire il succo di ribes e i succhi di cottura della carne. Far addensare bene la salsa; scaloppare il petto d’anatra e servire nappato di salsa e cosparso di granella di pistacchi.

anatra al ribes2

Tips&Tricks

  • Non mettere il petto d’anatra nella padella già calda: sigillerebbe il grasso invece di scioglierlo
  • I pistacchi non devono essere del tipo salato; se non si riesce a trovarli, meglio sciacquarli velocemente e asciugarli all’aria prima di usarli
  • Il petto d’anatra va gustato “al rosa“: attenzione quindi alle cotture. Un passaggio troppo lungo in forno renderebbe la carne fibrosa e ne rovinerebbe il sapore
  • Passare il ribes al passino è il modo più veloce per ricavare il massimo del succo ed eliminare nel contempo i fastidiosi semini

ribes

Annunci

12 thoughts on “Petto d’anatra al ribes e pistacchi per la Settimana dei Frutti di Bosco

  1. L’anatra non è sicuramente una carne che preparo spesso, anzi proprio raramente però mi hai ingolosito e non poco con la tua proposta che terrò sicuramente presente perchè penso che il ribes ci stia veramente a pennello
    Grazie Manu

    Liked by 1 persona

  2. Io lo sapevo che questa ricetta mi avrebbe fatta sbavare appena avessi visto le foto, e così è stato. Avevi solo accennato a come fosse il piatto nel gruppo, e io lo ho letteralmente sognato. Troppo bello e sicuramente buono, da provare.

    Liked by 1 persona

    1. Vale grazie.. ❤ ❤ Questo è uno di quei piatti che amo ma proprio tanto. E' il nostro piatto delle feste, o di quando vogliamo coccolarci con una ricetta speciale. Provalo, perchè so che è nelle tue corde… 🙂

      Mi piace

  3. Alessia, io lo sapevo che il tuo era un contributo originalissimo! Sei riuscita a valorizzare il ribes, uno dei frutti di bosco meno apprezzati… vai che quasi quasi mi converti alla carne d’anatra! Grazie… ora aspetto il secondo contributo, tra qualche giorno, e se tanto mi dà tanto… 🙂 Un bacio

    Liked by 1 persona

    1. ma grazie!! :* questo è uno dei miei… cavalli di battaglia. Ho una vera passione per le carni poco usate (coniglio, anatra, anche l’oca…) e il ribes è perfetto perchè è acidulo e la sgrassa un poco. Grazi grazie per essere passata ❤

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...