Colazione · lievitati

“Pandolce” con albicocche secche e cardamomo

pandolce alle albicocche

Ingredienti:

Per il poolish:

  • Farina  manitoba (o farina specifica per lunghe lievitazioni), 100 g.
  • Latte tiepido, 100 ml
  • Zucchero, 1 cucchiaino
  • Lievito madre essiccato, 2,5 g.

Per l’impasto:

  • Farina  manitoba (o farina specifica per lunghe lievitazioni), 230 g.
  • Uova, 2 medie
  • Burro, 60 g.
  • Cioccolato bianco, 20 g.
  • Zucchero, 80 g.
  • Malto, 1 cucchiaio
  • Cardamomo, semini di 1 bacca
  • Albicocche secche, una manciata

Stampo da 18 cm.


La sera prima, preparare il poolish: in una ciotola mescolare gli ingredienti indicati fino ad ottenere una pastella cremosa. Coprire con pellicola e lasciar lievitare per almeno un’ora mezza al caldo. Nel frattempo, pestare finemente i semini di cardamomo, unirli al burro e al cioccolato bianco e far fondere il tutto a bagnomaria.

Una volta pronto il poolish, metterlo con tutti gli ingredienti dell’impasto – escluse le albicocche – nella ciotola della planetaria e lavorare fino ad incordatura, girando un paio di volte la pasta. Riporre in una ciotola leggermente imburrata, coperta con pellicola, e lasciar lievitare un paio d’ore al caldo, dopo di che riporre in frigo per  tutta la notte.

Il mattino successivo togliere l’impasto dal frigo e lasciarlo a temperatura ambiente un paio d’ore. Unire quindi le albicocche tagliate a pezzi piccoli e lavorare per incorporarle bene all’impasto. Riporre di nuovo nella ciotola ed attendere il raddoppio.

A questo punto dividere l’impasto in quattro parti uguali e pirlarle in modo da renderle ben lisce. Imburrare uno stampo a cerniera e foderare i bordi con una striscia di carta forno almeno 3 cm più alta del bordo stesso (in assenza di stampo alto del tipo da panettone, è un’ottima alternativa!). Sistemare le “palle” di impasto nello stampo così preparato e lasciar lievitare finchè la pasta avrà oltrepassato il bordo dello stampo.

Spennellare con latte e cuocere in forno già caldo a 180° statico per ca 30-35 minuti. Appena tolto dal forno, spennellare nuovamente, questa volta con burro fuso.

Tips&Tricks

  • Il brioscione è profumatissimo e non eccessivamente “dolce”, perciò si presta anche ad essere tagliato a fette e spalmato di marmellata
  • Come tutti i lievitati, non si mantiene molto a lungo; si può riporre in un sacchetto di plastica per alimenti o meglio nei sacchetti speciali per prodotti da forno per un paio di giorni. E’ comunque ottimo anche affettato e tostato leggermente in forno
  • La fetta appare “sbricioclosa” solo perchè… l’ho tagliato ancora tiepido. Meglio lasciarlo raffreddare completamente (anche se appena tiepido è così irresistibile….)

pandolce alle albicocche

 

Annunci

2 thoughts on ““Pandolce” con albicocche secche e cardamomo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...