Dolci

Boogeyman’s cake – torta alla birra scura

boogeyman's cake

Ingredienti:

  • Farina 00, 280 g.
  • Zucchero di canna, 350 g.
  • Birra scura, 250 ml
  • Uova, 2 grandi
  • Burro, 140 g.
  • Cacao, 70 g.
  • Lievito per dolci, 10 g.
  • Bicarbonato, 1/2 cucchiaino
  • Sale, un pizzico
  • Panna fresca, 200 ml
  • Zucchero a velo (facoltativo)

Teglia da 23 cm. 


In un pentolino a bordi alti e fondo pesante mettere la birra, il burro e metà dello zucchero. Scaldare finchè il burro non sia completamente sciolto, senza arrivare al bollore.
In una larga ciotola setacciare accuratamente le polveri, i lieviti e il sale.
In un’altra bacinella montare le uova con il restante zucchero finchè la massa sia chiara e spumosa.
Unire a filo i liquidi caldi nella ciotola delle polveri, amalgamando bene. Aggiungere quindi la massa di uova, usando una spatola per non smontarla.
Versare il composto nella teglia ben imburrata ed infarinata e cuocere in forno caldo a 180° statico per ca. 40′.

Quando il dolce sarà completamente freddo, guarnirlo con la panna montata, a piacere con un po’ di zucchero a velo.

Tips&Tricks

  • Per realizzare questo dolce, ho utilizzato la birra Boogeyman di Almond ’22: una imperial porter decisamente meno amara di altre scure, perfetta anche per accompagnare la torta a cui apporta aromi speziati e caramellati
  • Qui non serve aggiungere aromi (vaniglia o altro), i profumi di questa birra rendono questo dolce inimitabile
  • Mettetevi sul divano, con una fetta di questo dolce e un bicchiere di Boogeyman… e poi scrivetemi!

boogeyman's cake

 

Annunci

2 thoughts on “Boogeyman’s cake – torta alla birra scura

  1. Se c’è un abbinamento assolutamente azzeccato, è quello tra la birra scura e il cacao: entrambi gli ingredienti infatti hanno in comune la forte tostatura dei semi di partenza, e la sinergia degli aromi che sprigionano è semplicemente perfetta.
    La prima cosa che ho pensato leggendo la ricetta è stata “maledizione alla dieta”.
    La seconda è stata “maledizione alla mia gola, che al momento mi costringe a dieta”.
    Una cosa però è certa: ne ho ancora per un mese a Dio piacendo, poi attacco con la manutenzione, che mi dà spazio per qualche sgarro. E questo sarà il primo, perché questo dolce è interamente nelle mie corde.
    Grazie Ale!!!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...