Antipasti · Buffet · lievitati · Piatti della tradizione

Il danubio

danubio

Ingredienti:

Per la pasta:

  • Farina manitoba, 250 g.
  • Farina 0, 100 g.
  • Strutto, 35 g.
  • Zucchero, 30 g.
  • Sale, 6 g.
  • Latte + acqua, 180 ml
  • Lievito madre essiccato, 3,5 g.
  • Sciroppo di malto, 1 cucchiaino
  • Buccia di arancia grattugiata

Per la farcia:

  • Provolone o altro formaggio a pasta dura, 150 g.
  • Salame, 70 g.

Teglia da 24 cm.


La pasta si prepara partendo la sera prima. E’ un umpasto diretto molto semplice. Nella planetaria mettere farine, zucchero, lievito, malto, la buccia di arancia (se gradita) e metà dei liquidi. Avviare la macchina a velocità bassa e continuare ad aggiungere i liquidi a filo (potrebbe essere necessario aumentare o diminuire la quantità in relazione all’assorbenza delle farine); quindi lo strutto (o il burro morbido) un pezzetto alla volta e per ultimo il sale. Portare ad incordatura, aumentando la velocità della planetaria; l’impasto sarà sostenuto e per nulla appiccicoso. Farlo a palla e lasciar lievitare un paio d’ore nel forno appena intiepidito. Dopo di ciò, metterlo in frigo fino al mattino successivo.

Il giorno dopo riprendere l’impasto dal frigo e spostarlo nel forno con la lucina accesa per ca. 3-4 ore: deve più che raddoppiare. Una volta ben lievitato, occorre dividerlo in palline dello stesso peso: a me ne sono venute una ventina di 35 g. l’una. Si tira ogni pezzetto di pasta con le dita fino ad ottenere un cerchietto che si farcisce con un mucchietto di salame e formaggio tritati; si chiude poi con un “pizzicotto” e si pirla bene in modo da ottenere palline ben lisce.

danubio

Le palline si dispongono nella teglia ben imburrata e si lasciano lievitare finché non si uniscono tra loro (ci vorranno ancora un paio d’ore), leggermente spennellate di latte e coperte con un canovaccio umido.

Si inforna a forno caldo a 180° statico per ca 20-25 min., spennellandolo ancora con un goccino di latte ed uovo battuto.

Tips&Tricks

  • Lo strutto si può sostituire con eguale quantità di burro
  • La lunga lievitazione è ciò che dona all’impasto una morbidezza incredibile e lo arricchisce di aroma. Non aumentate il lievito per fare più in fretta…
  • La farcitura può essere variata a piacere; meglio però evitare ripieni umidi (mozzarella, ricotta….) perchè comprometterebbero la lievitazione finale.

danubio

Annunci

2 thoughts on “Il danubio

  1. Il Danubio è il primo pan brioche ripieno che ho sperimentato, tantissimi anni fa,in era pre-blog. E’ semplicemente squisito, si accorda con diversi tipi di farciture e piace a tutti. La farcitura che preferisco è quella con mortadella ed Emmenthal; avvolgo il dadino di formaggio in una fetta di mortadella, per avere il cuore fondente, il risultato è spettacolare!
    Grazie per avermelo ricordato: approfitterò degli ultimi giorni di ferie, perché dal 10 torno a dieta stretta! 😉
    Un abbraccio.

    Mi piace

    1. NOOO! la DIETA nooo! 😀
      Ed è vero, piace a tutti, l’ho fatto per la festa di Capodanno (il 31) – con altre cosine buone – ma davvero è stra-piaciuto. Sarà anche la forma a palline, troppo simpatica, e la… facilità d’suo (niente coltelli).. 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...